Incontrarsi al MMAB · La biblioteca propone · Presentazioni con l'autore

Enzo Fileno Carabba e Chiara Riondino di nuovo insieme per “La zia subacquea”

“Mia nonna era un vulcano di idee, a volte fondate a volte no. Lasciava la gente a bocca aperta e da giovane vestiva come un’indiana”. Da “La zia subacquea e altri abissi famigliari” di Enzo Fileno Carabba, che sarà presente al MMAB giovedì 29 novembre e giovedì 13 dicembre alle 21.00 per la rassegna “Dieci gocce di… ” – serate semiserie di letture condivise, a cura di Chiara Riondino.
Torna al MMAB “Dieci gocce di… Enzo Fileno Carabba”!
Dopo il successo della prima puntata, Chiara Riondino e i suoi validi aiutanti, tornano a leggere “La zia subacquea e altri abissi famigliari”, cercando di restituire al pubblico la frizzante ironia dell’autore in modo inconsueto, valorizzando con simpatiche gag gli aspetti comici del testo, aggiungendo canzoni citate nel libro o inserite ad hoc, sempre eseguite dal vivo dalla cantautrice fiorentina. Il risultato è imprevedibile, così come imprevedibili sono le combinazioni spettacolari che nasceranno dalle pagine.
Oltre a Chiara Riondino, si alterneranno al leggio (e alla comicità) il poeta e performer Massimiliano Bardotti e il disturbatore Carlo Conforti.
L’autore del libro, Enzo Fileno Carabba, che dopo il primo incontro è rimasto affascinato da Montelupo (che non aveva mai visto prima), dal MMAB nella sua imponente struttura dagli spazi mirabilanti, e ancora dalle capacità espressive della Riondino e dei suoi aiutanti, tornerà sia il 29 novembre che il 13 dicembre, presente in sala per aggiungere dettagli e commenti alla lettura.
Incontro con un libro, un autore, una cantante e due attori. E chi più ne ha più ne metta!
Ingresso libero, divertimento garantito.

La zia subacquea e altri abissi famigliari (recensione a cura di Cristina Trinci)

La zia subacquea e altri abissi famigliari non è un libro normale. Come normali non sono i personaggi che lo abitano. Perché, chiederete voi? Semplice! Perchè è tutto vero. E la realtà, come ormai sappiamo bene, non ha niente di normale. Il romanzo è autobiografico, ma non ha i toni nostalgici e commemorativi di chi cerca disperatamente di tornare indietro nel tempo, anzi. Quello che emerge dal mare della narrazione è proprio il contrario: un’ironia ingenua e rude, che non giudica ma al contrario accoglie ogni paradosso della vita con uno stile elegante e tremendamente crudo. I sorrisi nascono ad ogni incontro con un personaggio, una situazione, una frase. Al tempo stesso i luoghi prendono la forma e la poetica del protagonista, diventando l’esternazione della sua mente. Si passa dal litorale abruzzese e dai suoi mari generosi alla Firenze di periferia, dagli anni Settanta in poi, per arrivare a scandagliare l’ambiente domestico in modo minuzioso. Le piccole manie, che ognuno di noi spesso ha senza nemmeno rendersi conto, si ingigantiscono fra le righe e diventano ossessioni talmente totalizzanti da apparire inverosimili. Eppure è tutto vero. Non lasciatevi scappare l’occasione di assaggiare questo libro e la sua lucida pazzia. Vi sentirete più normali, dopo.

E se volete saperne di più sul libro, guardate l’invito alla lettura fatto da MyFastBook: La zia Subacquea su MyFastBook

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...